Per strada

Pubblicato: 30 gennaio 2014 in Canzoni

Strana occupazione

quella dell’artista di strada

tutta questa gente

che si ferma attenta a guardare

chi per convinzione,

chi per moda, chi in simpatia,

chi per poche lire

tutti in qualche modo presenti

un ritratto a mano,

la caricatura veloce,

un cappello in terra,

cantastorie di professione

il prestigiatore

che stupisce senza coniglio,

occhi pitturati

raccontare senza parole

 Rit.

Tutti in una scena

dove non c’è scritto il copione

quasi appartenenti

solo al testo di una canzone

con un ritornello

che finisce tutte le sere

come sempre, uguale,

senza chissà quali pretese

Posti all’aria aperta

lunghe passeggiate di mare,

vicoli centrali

cuori di città trasformate

Tutto fa folklore

tutto in fondo così normale

questo strano mondo

con Parigi per capitale

Strana occupazione

stare tutto il giorno per strada

l’arte non ha prezzo

e cercare un sogno si paga

Liberi dal tempo,

liberi da ogni statuto,

non c’è presunzione

se ci abbiamo almeno creduto

 Rit.

Tutti in una scena

dove non c’è scritto il copione

quasi appartenenti

solo al testo di una canzone

con un ritornello

che finisce tutte le sere

come sempre, uguale,

senza chissà quali pretese

Profili Attici, 1996

COMMENTA

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...